Il galateo del Matrimonio

Il galateo del Matrimonio

Quando si parla di Matrimonio si parla di qualcosa che dovrebbe essere sempre il più personalizzato possibile, secondo i gusti, le esigenze e i desideri degli sposi.

C’è, però, un vero e proprio galateo da seguire per evitare eccessi o disastri; oggi proveremo a darvi qualche consiglio da tenere sempre a portata di mano durante la programmazione di quello che sarà l’evento più importante della vostra vita.

La parola d’ordine è, infatti, moderazione.

Tutto deve ruotare intorno a delle scelte che abbiano stile, sobrietà e parlino, ovviamente, d’amore.

Partecipazioni

E’ ovvio che l’attenzione va rivolta, inizialmente, al primo simbolo importante di questa giornata: le partecipazioni.

Può sembrare superfluo, ma curare le partecipazioni nel dettaglio è importantissimo perchè sono il biglietto da visita dell’evento e il mezzo attraverso il quale si invita chi si ama a condividere questo momento di gioia insieme.

L’ideale, seguendo la tradizione, è inviarle tre-quattro mesi prima delle nozze, sagomandole attraverso un cartoncino elegante, con una bella e definita scritta a mano in grigio o in seppia. L’invito deve contenere, naturalmente, il nome delle persone a cui è indirizzato corredato di data, scritta in sequenza giorno-numero-mese-anno.

Per chi ha il pallino dell’ambiente si può optare per delle bellissime versioni in carta riciclata, anche colorata, magari sagomata a forma di cuore o di qualunque altro simbolo romantico, virando su simpatiche decorazioni di fiori essiccati, ramoscelli o petali.

Anche la tecnologia può fare la sua parte, però; come?

Attraverso le partecipazioni si potrà fornire agli invitati un indirizzo mail a cui scrivere per confermare (o meno) la propria presenza; un’idea smart e funzionale che può tornare utile anche per la lista di nozze, che può essere pubblicata online, favorendo la consultazione a tutti h24 e in qualunque momento. In questo modo anche chi è “lontano” fisicamente non avrà problemi ad organizzarsi.

Attenzione però: sì alle wish list, no a Facebook ed altri Social Network. Si rischierebbe di rendere tutto troppo plateale e poco signorile!

Abiti

La sobrietà e la classe devono evincersi anche nella scelta degli abiti, ad un matrimonio che rispetti le regole del galateo.

La sposa, ad esempio, è buona norma che non vesta in maniera troppo provocante o audace, evitando scollature da capogiro o minigonne e spacchi inguinali. Le spalle coperte e le scarpe chiuse saranno un’ottima scelta, accompagnate da una acconciatura che prevede i capelli raccolti, coperti dal velo. Insomma, non deve apparire nè artefatta come una bambola nè troppo “aggressiva”. Per quanto riguarda, invece, lo sposo, meglio optare per il classico abito scuro con camicia e cravatta, magari accompagnando il tutto con un bell’orologio di pelle nera.

Sì allo stile minimal o classico, no a glitter e luccichii eccessivi.

Per quanto riguarda gli invitati, infine, è buona norma che non partecipino alla cerimonia in un outfit troppo appariscente, che rischierebbe di levare “la scena” ai veri protagonisti, cioè gli sposi. Niente bianco e niente stole per le donne, niente cappelli e colori sgargianti per gli uomini, che staranno di certo a proprio agio in un bell’abito scuro, andando sul sicuro.

L’evento

Per chi ha voglia di organizzare le cose per bene, in stile e con tutta la competenza possibile, l’ideale è affidarsi ad un wedding planner.

In ogni caso, sarà difficile sbagliare se si opterà, in quanto a location, per una villa o una sala.

I decori floreali dovranno essere scelti nel modo più appropriato, seguendo toni cromatici candidi, chiari, uniformi, che non diano l’idea di una festa “pacchiana” ma che, anzi, siano di semplice accompagnamento ai festeggiamenti.

Stesso concetto per la musica ed i musicisti: il sottofondo musicale deve cominciare a sentirsi a pranzo (o cena) ultimato.

L’ideale è organizzare un buffet, con torta finale a più ripiani, in linea con i tradizionali festeggiamenti nuziali.

Meglio optare per un ricevimento non troppo lungo, che rischierebbe di diventare noioso e poco piacevole per tutti.

Bomboniere

E’ tradizione che, a festeggiamenti conclusi, vengano distribuite le bomboniere tra gli invitati.

Per evitare di non incontrare i gusti di qualcuno, la scelta ideale va orientata su oggetti piccoli, discreti, eleganti, che possano essere piacevoli da tenere in casa, come souvenir della giornata, per tutti. Molti stanno anche scegliendo, negli ultimi anni, bomboniere ecosolidali,  finanziando progetti a scopo umanitario, animalista ed ambientale e, contemporaneamente, regalando agli invitati un oggetto diverso dal solito e dal profondo significato intrinseco.

Insomma, con questo piccolo vademecum a portata di mano sarà impossibile sbagliare e il vostro matrimonio sarà a prova di bon ton!

 

Previous Le migliori ville per Matrimonio a Napoli
Next Quando è nata la macchina fotografica?

About author

Simona Vitagliano
Simona Vitagliano 68 posts

Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, Copywriter, Editor freelance. Tutor di Matematica e Fisica.

You might also like

Blog

Mirrorless e Reflex: vediamo le differenze

Il mercato delle macchine fotografiche, oggi, è veramente ricco. Un tempo, quando la tecnologia non aveva ancora invaso tutti i campi del nostro sapere e della nostra cultura, si doveva soltanto

Fotografia

La fotografia nazionalpopolare di Martin Parr

Conformismo: qualcosa da cui Martin Parr sfugge come se fosse una malattia. Inglese di origine, nato nel 1952 a Epsom, nella contea del Surrey, poco lontano da Londra ma sotto un’altra

Fotografia

Come diventare un fotografo professionista

Il mondo della fotografia è quanto mai affascinante e sono in tanti, forse proprio grazie all’utilizzo degli smartphone, ad essersi interessati al suo ruolo nel mondo del lavoro. Va detto,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!