Matrimonio in villa d’epoca: questione di catering

Matrimonio in villa d’epoca: questione di catering

I matrimoni in villa d’epoca continuano ad essere un fortissimo trend, soprattutto in Italia, dove le strutture di questo tipo sono tantissime e sempre curate nei minimi dettagli, forti della nostra storia millenaria fatta di grandi civiltà e vastissimi imperi.

Ma, se da un lato affidarsi a una location di questo tipo elimina tutta una serie di preoccupazioni, potendo beneficiare di grandi sale, giardini, spesso addirittura boschi – in contesto di grandi e spaziose tenute – e spazi semi-aperti (come gli eleganti porticati di un tempo), dall’altro ci si rende subito conto che, facendo una scelta di questo tipo, la questione catering diventa ancora più importante (se non fondamentale) per dare il giusto input all’atmosfera finale.

Un sontuoso banchetto

Un’affascinante celebrazione nuziale in un magico luogo antico e retrò non può prescindere da un banchetto elegante e sontuoso. Ecco perché può davvero fare la differenza affidarsi ad un servizio di catering esperto di questo settore.

Saper “vestire” la tavola con le giuste portate non è da tutti, all’interno di spazi architettonici importanti come questi: il menù andrà accuratamente studiato e personalizzato in base alla location ma anche ai desideri degli sposi e alle esigenze degli invitati.

Grazie al giusto servizio di banqueting, le sale andranno riempite con tavoli sagomati nella maniera migliore, opzionati di caso in caso (tondi, quadrati, rettangolari etc), sfruttando al meglio gli spazi disponibili e apparecchiando con i coordinati perfetti.

Stesso discorso per servizi e stoviglie, che andranno scelti tra porcellane, argenteria e raffinati elementi decorativi, come centrotavola e candelabri; insomma, nulla può essere lasciato al caso.

Nemmeno le proposte food!

La gastronomia, infatti, è parte integrante di tutto il contesto: le portate devono rappresentare sempre il giusto compromesso tra una soluzione gustosa da mangiare e elegante da vedere, magari organizzando i vari buffet per aree tematiche: in questo modo, carne, pesce, verdure, preparazioni vegane, vegetariane e quant’altro saranno messe a disposizione dei presenti in maniera assolutamente libera ma ordinata, rendendosi oltretutto facili da individuare.

Un posto d’onore, poi, è da riservare allo sweet table (cioè il buffet dei dolci) e alla confettata dove, di solito, si accoglie anche la torta nuziale per il momento più atteso dell’intera giornata. Tutto deve essere perfetto: sarà proprio lì, infatti, che si scatteranno tantissime delle foto ricordo più belle!

Anche i decori floreali, ovviamente, fanno la loro parte: d’altro canto, sono tantissimi i fiori commestibili che, oggi, vengono impiegati in ricette particolari e ricche di gusto che sono anche esteticamente fantastiche e da fotografare!

Tutto, quindi, deve seguire uno stesso fil rouge, riuscendo ad ottimizzare l’intero allestimento e la sezione food & drink proprio grazie ad una comprovata esperienza nelle atmosfere wedding vintage e dal sapore antico.

E voi, avete già scelto la villa d’epoca dei vostri sogni dove festeggiare il giorno del “sì”?


Previous 5 buoni motivi per sposarsi d'inverno
Next Tutto quello che devi sapere sulla promessa di matrimonio!

About author

Simona Vitagliano
Simona Vitagliano 68 posts

Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, Copywriter, Editor freelance. Tutor di Matematica e Fisica.

You might also like

Matrimonio

Tendenze 2016: il matrimonio in spiaggia

Cosa c’è di più romantico di un matrimonio sulla spiaggia? Questo tipo di cerimonia è scelta da un numero sempre maggiore di futuri sposi per rendere ancora più unico ed indimenticabile

Fotografia

Come funzionano le lenti polarizzate?

Lo studio dell’ottica è alla base di tutta la tecnica che si utilizza in fotografia. Per questo motivo, anche quando si utilizzano determinati obiettivi o lenti, vale la pena essere

Fotografia

Un augurio speciale per il nostro 30° anniversario!

Per i tempi che corrono arrivare alla soglia dei trenta anni di attività artigiana non è cosa di poco conto. Eppure Enzo Grande e Antonio Perna, fotografi professionisti e ben

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!