Perché si usano i confetti ai matrimoni?

Perché si usano i confetti ai matrimoni?

Il dono degli sposi per i partecipanti alle nozze è, da sempre, nella nostra memoria, un batuffolo contenente dei confetti, tradizionalmente alla mandorla, ricoperti di glassa di zucchero bianca, ma oggi sostituibili con molte altre varianti più moderne, gustose e sorprendenti, in vari gusti fruttati o persino agli aromi floreali!

Ma da dove ha origine questo vero e proprio rituale?

Le origini dei confetti

Volendo ripercorrere la storia all’indietro, sin dai tempi più remoti, si arriverebbe addirittura a uno degli “avi” del confetto, durante l’Impero Romano, tempo in cui unioni e nascite erano festeggiate proprio con una sorta di caramella a base di miele, simbolo di un augurio di un futuro propizio.

La prima “bozza” di confetto, in verità, pare sia servita ad un arabo,  Al Razi, per far sì che i medicinali fossero assunti più gradevolmente, ricoprendo le pasticche con un guscio dolce e piacevole al palato.

Ad ogni modo, è a Sulmona, ancora oggi patria del confetto, che nel XV secolo alcuni pasticceri locali iniziarono a mescolare sciroppi di zucchero con le mandorle, ottenendo un prodotto pressoché identico a quello nostrano.

Tra l’altro, la tradizione della bomboniera si incrocia a questa, poichè furono i nobili a cominciare a dettare legge di bon ton, fregiandosi di donare i propri confetti in piccoli contenitori, cesellati da orafi di prestigio; confetti e “bon bon”, insomma, erano riservati ad un ceto alto e non certo a tutti coloro che si sposavano, fino a qualche tempo fa.

Significato simbolico

Tradizionalmente, anche il numero dei confetti per ogni invitato è studiato ed ha una simbologia ben precisa.

L’usanza vuole che siano sempre dispari:

  • 5 confetti: simboli di salute, fertilità, lunga vita, felicità e ricchezza;
  • 3 confetti: simbologia della coppia con il primo figlio;
  • 1 confetto: metafora dell’unione appena realizzata.

In effetti, fino a non moltissimo tempo fa, i confetti, con un’anima di seme di coriandolo, erano utilizzati al posto del riso, all’uscita degli sposi dalla chiesa, motivo per il quale, in molte lingue straniere, il termine utilizzato per questi dolcetti e per i caratteristici accessori simbolici del Carnevale è lo stesso!

Previous Come diventare un fotografo professionista
Next Bomboniere equosolidali: un gesto nobile per aiutare gli altri

About author

Simona Vitagliano
Simona Vitagliano 68 posts

Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, copywriter, editor freelance. Tutor di matematica e fisica.

You might also like

Fotografia

Cos’è la lomografia?

La lomografia rappresenta quello stile fotografico che è riuscito a mandare avanti il rullino in un’epoca dove il digitale cominciava a prendere piede, minacciando di soppiantarlo per sempre. Origini Siamo nei

Blog

Un augurio speciale per il nostro 30° anniversario!

Per i tempi che corrono arrivare alla soglia dei trenta anni di attività artigiana non è cosa di poco conto. Eppure Enzo Grande e Antonio Perna, fotografi professionisti e ben

Blog

Stefano Unterthiner: un italiano per National Geographic

Un sogno che diventa realtà, anzi molto di più: per Stefano Unterthiner quest’anno c’è stata la svolta della sua vita. Già collaboratore con l’edizione italiana del magazine del National Geographic (oltre

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!